CARMEN MINUTOLI – Giornalista – Sito Ufficiale

giugno 29, 2017

ROMA, CAPITALE….anche della storica…INFIORATA

Infiorata: dove è nata?

INFIORATA STORICA ROMA

Molti borghi e città italiane e nel mondo organizzano la caratteristica “infiorata”. Ma dove è nata la prima Infiorata? Sembra che a dare i natali a questa bellissima manifestazione sia stata Roma che intorno alla metà del 1600 (dal 1625 o 1627 e fin quasi il finire di quel secolo) ha realizzato  i primi eventi (o meglio in Vaticano, zona S. Pietro); poi la tradizionale infiorata, estesa nel frattempo in tutto il mondo fu tralasciata dai romani; infatti erano ormai decenni che non si svolgeva più nella “Caput mundi” fino a quando la Proloco della Città Eterna non l’ha “resuscitata” e pian piano, in pochi anni riportata al suo antico splendore. L’antica celebrazione è caratterizzata dall’esposizione di quadri realizzati prevalentemente con petali di fiori freschi e fiori secchi ma anche truciolato e altri materiali naturali. In occasione dei SS. Pietro e Paolo gli artisti fiorai hanno composto le stupende immagini lungo la strada della Conciliazione proprio di fronte la basilica di S. Pietro; quasi tutte le composizioni  risaltano la meravigliosa  immagine della Madonna e Gesù: l’arte e la sacralità uniti per festeggiare le tradizioni popolari e ridare lustro alla storia di Roma.

©Carmen Minutoli

***Foto, video servizio, interviste: Carmen Minutoli ***

*Riutilizzo consentito citando autore e fonte*

Roma 29.6.2017

Consigliato: 

YOUREPORTER.IT_CORRIEREdellaSERA

http://www.youreporter.it/video_Roma_e_l_Infiorata_storica

http://www.youreporter.it/gallerie/INFIORATA_Dove_e_nata_la_prima_Infiorata/#1

http://www.youreporter.it/video_La_Girandola_illumina_e_allieta_Roma

***

PER APPROFONDIMENTI:

http://www.infioritalia.com/articolo/le-origini-dell-infiorata/211-d

 

aprile 26, 2012

ITALIA: Festa della LIBERAZIONE

liberazione quotidiano

liberazione quotidiano (Photo credit: agenziami)

Festa della Liberazione

25 aprile 1945 – 25 aprile 2012

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, all’incontro al Quirinale con gli esponenti delle Associazioni Combattenti e d’Arma, nel 67° anniversario della Liberazione ha definito il 25 aprile  con queste parole: << Una ricorrenza fondamentale nella storia dell’Italia Unita, di quelle che più ne hanno segnato il cammino sulla via dell’indipendenza, della dignità, della libertà, della coesione nazionale >>. Durante l’evento ufficiale a Pesaro ha affermato:  <la Festa della Liberazione è anche festa della riunificazione dell’Italia brutalmente divisa in due, dopo l’8 settembre del 1943, dall’occupazione tedesca. Anche di ciò – di quel terribile, sanguinoso periodo di divisione del nostro paese, che avrebbe potuto essere fatale per il futuro dell’Italia – bisogna continuare a rievocare e trasmettere la storia>.

La ricorrenza è stata quindi festeggiata come ogni anno in molte città italiane e naturalmente ha suscitato opinioni diversificate e atteggiamenti favorevoli o contrari da più parti e fra i giovani e giovanissimi in molti hanno sostenuto di  aver trascorso tale giorno come uno qualsiasi, con il solo beneficio del riposo festivo (alias, niente scuola o lavoro).

Fra le varie opinioni raccolte  tra la gente ( turisti e residenti nella Capitale)  invito ad ascoltare l’interessante ed esclusiva intervista fatta a un importante imprenditore italiano, residente a Roma, (che ha chiesto di essere chiamato solo con il nome, Ing. Vincenzo – ma che non sarà difficile, visto la notorietà, identificare – e come promesso cito solo il nome,  sia nell’articolo che nella presentazione, facendo, come noterete,  non poco fatica, visto il “farfugliare tra signor e ingegner…ma le promesse si mantengono… – )

L’intervista  vuole evidenziare il pensiero di persone che quella storica data l’hanno vissuta in prima persona.

Interessante, nelle dichiarazioni dell’Ing. Vincenzo, l’idea di come questa ricorrenza  abbia cambiato “essenza” nel corso dei decenni…ascoltatelo…

video interista su: YOUREPORTER.IT  =  http://www.youreporter.it/video_Festa_della_Liberazione_-_Intervista_di_Carmen_Minutoli

su: YOUTUBE  = CAMIVOX’s CHANNEL – VOXPOPULI BY CARMEN MINUTOLI

Roma, 26/04/2012

Carmen Minutoli

marzo 12, 2011

SE NON ORA QUANDO: CORTEO a ROMA 12 marzo 2011 a DIFESA della COSTITUZIONE

Manifestazione 12 marzo 2011 -SE NON ORA QUANDO: difendiamo la Costituzione italiana

 
 C-DAY:  A DIFESA DELLA COSTITUZIONE ITALIANA:SE NON ORA QUANDO

 

La manifestazione di Piazza del Popolo e il Corteo tricolore  del 12 marzo 2011

 ServizioFlash  “in diretta”:

Alla manifestazione  “Se non ora, quando: in difesa della Costituzione” hanno  aderito molti esponenti dell’opposizione; presente fra i manifestanti anche Anna Finocchiaro  che fra le altre cose ha commentato: «l’Italia si è svegliata». Ma anche molti intellettuali ed artisti, come Vecchioni, Venditti, Ottavia Piccolo…

Dal palco il moderatore ha invocato “Un minuto di silenzio per le vittime del Giappone e per tutte le vittime delle mancanza di democrazia nel mondo”.

Arriva il lungo corteo del Tricolore formato da decine di manifestanti che hanno  portato il lunghissimo drappo della Bandiera Italiana per tutta Piazza del Popolo, fermandosi poi sotto il Palco. La bandiera della Pace  come simbolo di ripudio alla guerra così come la Costituzione Italiana stabilisce, sventolata da altre decide di persone presenti all’evento.

 Il moderatore:« Si difende la Costituzione Italiana anche come esempio  per tutti gli Stati che non ne posseggono una» ed introduce la testimonianza  di un libanese che applaude all’iniziativa odierna sostenendo che è giusto difendere la Costituzione di un popolo perché per esempio la Libia non avendo da tempo la propria è finita sotto il regime totalitario che ha portato alle conseguenze note ormai da settimane al mondo intero.

Ancora il moderatore: «Invito a “disturbare” i dittatori di tutti quegli Stati che sono ancora oggi sotto la dittatura». Si accenna a: Spese militari, Tagli alla cultura; si invita alla Marcia per la Pace di Perugina/Assisi programmata per il 25 09 2011.

Collegamento con Parigi ( Filippo Rossi)  dove contemporaneamente si manifesta con tricolori francesi e italiani; in quel frangente si ode un rombo in alto, dal cielo…è l’elicottero della Polizia e la piazza lo saluta; in un atmosfera di serena ma adrenalinica complicità si continua a leggere tutti gli articoli della Costituzione, e non solo dal palco, ma anche fra la gente, dove in tanti distribuiscono volantini con su scritto l’articolo che prediligono e “hanno adottato”. Sul palco sale  Ottavia Piccolo:  «Io sono del 1949 , la Costituzione è MIA SORELLA, ha quasi 2 anni più di me.. e la difendo…»

Oggi nella Capitale d’Italia la manifestazione e il corteo (partito da Piazza della Repubblica) hanno suggellato un altro momento, dopo l’evento delle “Donne Pensanti” dello scorso 13 febbraio 2011,  di grande partecipazione popolare, checché se ne dica.

(copyright) 

 Per i video reportage :

1)      http://www.youtube.com/user/CAMIVOX?feature=mhum#p/u/10/YSvHpTd6vO8

2)      http://youtu.be/YSvHpTd6vO8

3)      http://www.youtube.com/watch?v=JE5k4I_8FgM

4)      http://www.youtube.com/watch?v=iV0yS_zLlg0

PER IL FOTOSERVIZIO :

Foto Carmen Minutoli

 
 
 
 
 
 
 
 
 

foto: Carmen Minutoli

 

foto: Carmen Minutoli

 

foto:Carmen Minutoli

foto:Carmen Minutoli

 

foto: Carmen Minutoli

foto:Carmen Minutoli

 

 

foto:Carmen Minutoli

foto: Carmen Minutoli

IL VIDEO APPELLO DI STUDENTI.IT:
ALCUNI VIDEO/REPORTAGE DELL’EVENTO A PIAZZA DEL POPOLO SUL CANALE YOUTUBE CAMVOX:
Pagina successiva »

Blog su WordPress.com.